Benvenuto

ESC Performance team Extreme strength & conditioning Testata articoli


ESC PERFORMANCE LOGO

Healt and Fitness Professionals School and Formation

Articolo di benvenuto

Il modello di prestazione


Realizzare un programma di allenamento valido per qualsiasi impiego del movimento umano.
E’ impensabile organizzare un allenamento senza capire prima quali parametri della prestazione incrementare. E’ altrettanto assurdo poter pensare di sviluppare un allenamento in grado aumentare tutte le capacità allo stesso tempo ed in poco tempo, quest’ultima affermazione, naturalmente, suona assurda eppure molti preparatori (evidentemente senza il tesserino del Ministero) pensano che questo sia possibile.
Un qualsiasi coach di atleti dovrà, per prima cosa, individuare quale sia il modello di prestazione della disciplina in cui compete il suo atleta. Il Direttore Regionale delle Attività di Gara del Ministero Vladimir N. Platonov interviene dando una descrizione di cosa sia un modello: Un modello è una rappresentazione, uno schema (mentale o convenzionale) che mira a riprodurre gli elementi essenziali di un processo, le caratteristiche strutturali di un oggetto, le relazioni tra i diversi elementi del sistema (Platonov 2004).

I modelli di prestazione sportivi sono utilizzati per studiare e migliorare la prestazione in gara ed il processo di preparazione.
Questo significa indagare e chiarire :
gli obiettivi della competizione, le caratteristiche regolamentari, la biomeccanica dei gesti tecnici specifici, le caratteristiche strutturali, fisiologiche, psicologiche, cognitive del gesto tecnico.
Tutto molto rassicurante, abbiamo obbiettivi chiari, regole chiare, gesti tecnici stereotipati (che lo sport sia ciclico o aciclico) e meccanismi cognitivi e fisiologici ben delineati.
E se esistesse una classe di “atleti” che non si riconosce in tale lista? Un incubo? no una sfida!
Ci sono persone che hanno bisogno di sviluppare al massimo possibile tutte le capacità motorie e averle a disposizione sempre, queste fanno parte del cosiddetto “Personale Operativo” ovvero soldati, forze dell’ordine, vigili del fuoco e tutti gli operatori che hanno il compito di intervenire quando il gioco si fa duro. Questi “operativi” devono, per forza di cose, avere un livello di Preparazione Globale molto alto, ovvero, al contrario di un atleta specializzato in una disciplina, essi devono poter essere abbastanza veloci e forti per fare fronte a una vastissima gamma di situazioni in ogni momento. La preparazione fisica di tali elementi non può essere basata sulla specializzazione assoluta e concentrata su di un picco prestativo della durata di poche settimane (es. preparazione in vista di una gara) ma devono poter contare su almeno il 70%-80% delle loro capacità fisiche di base ogni giorno perché il momento in cui viene richiesto la massima prestazione è sconosciuto.


By
Dott. Alessio Alfei
Alfei Performance System
Ministero della Forza

I commenti sono chiusi.